Somma Lombardo, 6 aprile 2018

Cara socia, caro socio,

la presidenza nazionale dell’Associazione che ora mi onoro di assumere cade in un momento difficile per il nostro Paese. La crisi economica, la perdita di credibilità delle Istituzioni o meglio della classe politica che le guida ingenera nei cittadini un senso di sgomento ed infastidito distacco dalla cosa pubblica. In questo contesto Associazioni e Fondazioni mantenendo inalterato la loro credibilità risultano tra i pochi riferimenti per la tutela degli interessi collettivi.

Permettimi di condividere assieme a te una proposta di riflessione sull’essere socio.

Ci sono due tipi di soci: il socio unicamente interessato al singolo corso cui si iscrive, che poi sparisce, e il socio che, al di là dei seminari a cui si iscrive, partecipa anche alle attività dell’Associazione, dando il suo appoggio e contributo anche solamente presenziando alle riunioni, assemblee o gala. Con questo non voglio dire che il primo tipo di socio non sia importante quanto il secondo, ma chi partecipa in modo attivo ha sicuramente colto la finalità e lo spirito di questa Associazione.

Non dobbiamo temere di assumere le “iniziative del fare”.

FIPD-Ente Italiano Tecnici della Danza nasce nel 1951 con la denominazione di Federazione Italiana danza Sportiva con atto pubblico a firma del notaio Luigi Anderloni di Milano (n. 58304 rep.). Da oltre sessanta anni prepara aspiranti maestri di ballo; forma e informa i propri tesserati, qualificando e abilitando i medesimi al libero insegnamento della danza e del ballo.

Quale Ente di categoria presente su tutto il territorio nazionale è sempre attenta al bisogno dei suoi iscritti.

Statutariamente si pone quale ente professionale con competenze anche amatoriali-dilettantistiche e ludico-ricreative dedito alla formazione degli aspiranti maestri e tecnici della danza e delle altre attività coreutiche, ivi comprese le discipline legate alla promozione e alla diffusione della didattica sia in campo artistico che sportivo.

Eretto in Ente morale, FIPD, gode del riconoscimento giuridico dal Ministero dell’Interno e della Prefettura di Varese ( n. 2275/01 del 21-06-01 ). Non a caso tutti i titoli rilasciati dall’Ente sono autorizzati da una specifica norma contenuta in G.U. n. 215816 datata 17 Dicembre 1951

“Provvedere alla nomina di una Commissione Tecnica e Culturale permanente, per attentamente vagliare le qualità professionali di ogni singolo associato e valorizzare le competenze degli stessi, sia tecniche che artistiche che culturali nel campo della Danza e del Wellness, rilasciando diplomi e attestati di VALORE NAZIONALE ITALIANO sino a quando ciò non verrà fatto dallo Stato con regolari esami Governativi ”

Penso si debba dare spazio ai talenti ed alle energie presenti tra i nostri soci.

Dobbiamo lavorare su proposte quali, a solo titolo di esempio, “la danza ability”,  la qualità della conoscenza in ambito motorio, la valorizzazione e la realizzazione di iniziative dedicate a percorsi  tematici e didattici sia in campo tecnico-scientifico che giuridico/fiscale. Senza tralasciare l’ambito sociale

FIPD  sta lavorando per rafforzare la sua struttura operativa al centro e sul territorio.

Ha da qualche mese inaugurato la nuova sede legale ed operativa in Somma Lombardo (VA), via del Rile n. 46, rinnovato la propria compagine sociale per il quadriennio 2018/2022, messo in cantiere tutta una serie di iniziative che porteranno “al rilancio” della struttura. Al ruolo determinante di sezioni e consigli regionali deve corrispondere un sostegno ed un  raccordo costante con la sede centrale dell’Associazione. Stiamo lavorando su progetti concreti ed operativi.

In questi primi mesi dell’anno, recependo le norme che provengono dal mondo sportivo, in primis il Decreto Legislativo 23/07/1999 n. 242 (cosiddetto decreto Melandri di riordino dello sport), oltre che dalla recente Legge di Stabilità, lavorando ad un tavolo con una delegazione dell’ACSI (comitato Provinciale di Benevento)  – Ente di promozione Sportiva Riconosciuto dal CONI, è stato siglato un accordo riguardante la possibilità di estendere il riconoscimento giuridico dei diplomi rilasciati da FIPD anche al settore sportivo (danza sportiva, discipline artistiche e motorie legate alla danza): “Per quanti volessero regolarizzare la propria posizione in base agli aspetti tecnico-sportivi, legali e fiscali, FIPD nel rispetto del proprio Regolamento Organico, ha stipulato una convenzione con ACSI (Comitato provinciale di Benevento) offrendo la possibilità ai propri tesserati di allineare il proprio titolo abilitativo-culturale rilasciato (e, comunque valido su tutto il territorio nazionaleper l’insegnamento in strutture private o professionalmente organizzate), in una qualifica tecnica equipollente dell’Ente”.

 Le tante opere dell’Associazione debbono però essere comunicate. Usciamo all’esterno, portiamo on line i nostri progetti e le nostre proposte. Un progetto efficace e moderno per la comunicazione non è più procrastinabile.

Ti sollecito a prendere conoscenza del nuovo sito istituzionale fipd.it, arricchito di un blog dove avrai la possibilità di interagire direttamente con la struttura centrale, proporre iniziative e, perché no, critiche costruttive che servano alla crescita globale dell’Ente.

E’ attivo uno Sportello Dedicato, un canale professionale di consulenza e assistenza riservato esclusivamente ai soci che consente di favorire, migliorare e semplificare i rapporti con l’amministrazione finanziaria e sportiva.

Gli impegni sono tanti e difficili, ma iniziamo a lavorare, insieme, impegnandoci ad un confronto sui risultati sin dal prossimo Congresso nazionale.

Cordialmente,

Giovanni Vicenzino
Presidente Nazionale